Navigation

Gemelline scomparse: polizia vodese mobilitata per trovarle

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 febbraio 2011 - 14:10
(Keystone-ATS)

La polizia vodese si è mobilitata in forze per far luce sulla vicenda delle due gemelline di sei anni domiciliate a St-Sulpice (VD), figlie di un 43enne che si è tolto la vita gettandosi sotto un treno in Puglia: sono una trentina gli inquirenti che stanno cercando di valutare ogni elemento utile a far avanzare le ricerche.

Due ispettori vodesi sono arrivati a Bari per aiutare i colleghi italiani. Altri due si trovano invece a Marsiglia, punto di passaggio del padre delle scomparse, alla ricerca del minimo indizio. La polizia cantonale ha organizzato un posto di comando delle operazioni, una struttura che diventa operativa per esempio in caso di catastrofi. Una marcia di solidarietà è prevista anche oggi pomeriggio a Saint-Sulpice (VD).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.