Navigation

Gemellini uccisi a Horgen (ZH): ergastolo alla madre

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 marzo 2010 - 11:51
(Keystone-ATS)

ZURIGO - Pena detentiva a vita per duplice assassinio: questa la sentenza emessa oggi dalla Corte delle assise di Zurigo contro la donna di 36 anni processata per l'uccisione dei suoi due gemellini di 7 anni avvenuta la notte dell'Antivigilia di Natale 2007 a Horgen (ZH).
La donna dovrà inoltre seguire una terapia e versare all'ex marito, che si è costituito parte civile, una riparazione morale di 150'000 franchi e un risarcimento di 15'000 franchi.
La corte ha seguito quasi interamente le richieste della pubblica accusa, che aveva chiesto di condannare la donna sulla base degli indizi raccolti e delle varie perizie. La difesa si era invece battuta per una assoluzione "per mancanza di prove e indizi convincenti".
I due gemelli - un bambino e una bambina - furono soffocati nel sonno con un cuscino. Il padre era stato inizialmente sospettato assieme alla ex moglie e ha passato tre mesi in detenzione preventiva, prima che il procedimento nei suoi confronti venisse archiviato. Il 41enne ha nel frattempo divorziato dalla moglie.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?