Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Pena detentiva a vita per duplice assassinio: questa la sentenza emessa oggi dalla Corte delle assise di Zurigo contro la donna di 36 anni processata per l'uccisione dei suoi due gemellini di 7 anni avvenuta la notte dell'Antivigilia di Natale 2007 a Horgen (ZH).
La donna dovrà inoltre seguire una terapia e versare all'ex marito, che si è costituito parte civile, una riparazione morale di 150'000 franchi e un risarcimento di 15'000 franchi.
La corte ha seguito quasi interamente le richieste della pubblica accusa, che aveva chiesto di condannare la donna sulla base degli indizi raccolti e delle varie perizie. La difesa si era invece battuta per una assoluzione "per mancanza di prove e indizi convincenti".
I due gemelli - un bambino e una bambina - furono soffocati nel sonno con un cuscino. Il padre era stato inizialmente sospettato assieme alla ex moglie e ha passato tre mesi in detenzione preventiva, prima che il procedimento nei suoi confronti venisse archiviato. Il 41enne ha nel frattempo divorziato dalla moglie.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS