Navigation

Genocidio armeno: Turchia convoca ambasciatore Usa

L'ambasciatore americano in Turchia David Satterfield. (foto d'archivio) Keystone/AP/LAWRENCE JACKSON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 ottobre 2019 - 10:13
(Keystone-ATS)

L'ambasciatore americano ad Ankara, David Satterfield, è stato convocato al ministero degli esteri turco a seguito della risoluzione approvata ieri dalla Camera dei Rappresentanti americana che riconosce il "genocidio armeno".

La convocazione, precisano fonti diplomatiche di Ankara, è stata decisa per denunciare la "risoluzione priva di qualsiasi base storica o legale" sul "genocidio armeno" e un'altra proposta di legge che chiede al presidente Donald Trump di sanzionare la Turchia a seguito della sua offensiva militare in Siria.

Il testo approvato dalla Camera, che non è vincolante, era già stato duramente condannato stanotte anche in una nota ufficiale del ministero degli esteri. Ankara nega che i massacri di centinaia di migliaia di armeni compiuti durante la Prima Guerra Mondiale dall'impero Ottomano siano stati frutto di un "genocidio" pianificato, sostenendo che sono avvenuti sullo sfondo di una guerra civile, e ne contesta anche le cifre.

Le nuove tensioni tra Ankara e Washington giungono a due settimane dalla visita del presidente Recep Tayyip Erdogan alla Casa Bianca.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.