Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MOSCA - Mosca ha installato missili per la difesa antiaerea S-300 nelle regioni georgiane secessioniste dell'Abkhazia e dell'Ossezia del Sud, riconosciute dal Cremlino dopo la guerra con Tbilisi nell'agosto 2008. Lo ha annunciato il comandante delle forze aeree russe, generale Aleksandr Zelin, citato dalle agenzie.
"L'obiettivo di tali mezzi di difesa anti-aerea non è solo di proteggere i territori dell'Abkazia e dell'Ossezia del Sud, ma anche di distruggere tutti i velivoli che violano lo spazio aereo, qualunque sia la loro missione", ha riferito Zelin.
L'installazione dei missili per la difesa antiaerea è una "fonte di preoccupazione" per Tbilisi, ha detto alla France Presse il vice-premier georgiano Temur Iakobashvili. "Cio deve essere una fonte di preoccupazione non solo per la Georgia ma anche per altri attori regionali fra cui la Nato", ha aggiunto.
L'iniziativa di Mosca "cambia i rapporti di forza nella regione", ha aggiunto. "È evidente che la Russia utilizza questi territori occupati come piattaforma militare per progetti più ampi di quelli che puntano solo alla Georgia", secondo Iakobashvili.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS