Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A oltre 23 anni dalla caduta del muro di Berlino, in Germania circa un terzo degli ex detenuti politici del regime comunista continua a soffrire di disturbi psichici. È quanto rivela il periodico del settore farmaceutico "Apotheken Umschau", che cita uno studio condotto dai ricercatori delle università di Dresda e di Zurigo.

Per vent'anni, riportata la rivista specializzata, 146 perseguitati politici dell'ex Repubblica democratica tedesca (Ddr) sono stati intervistati dagli studiosi. In un terzo del campione i ricercatori hanno potuto riscontrare una sindrome da stress post-traumatico, con conseguenti disturbi del sonno, fobie sociali o dipendenza da sostanze che danno assuefazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS