Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'identità del profugo 17enne autore dell'aggressione con ascia e coltello sul treno a Wuerzburg non era stata verificata al suo ingresso in Germania. Lo rivela la Frankfurter Allgemeine Zeitung citando fonti investigative.

Il giovane era entrato attraverso il confine austriaco, a Passau, il 30 giugno 2015: dunque un paio di mesi prima dell'inizio del grande flusso di profughi che investì la Germania da settembre.

Le sue impronte digitali erano state rilevate solo in Ungheria e registrate nella banca dati Eurodac. Ai funzionari ungheresi aveva dichiarato di essere afghano e minorenne.

Secondo gli accordi di Dublino, i funzionari tedeschi avrebbero dovuto rispedirlo in Ungheria, scrive il quotidiano di Francoforte, dal momento che solo di fronte all'emergenza profughi di settembre la Germania decise di sospendere temporaneamente quell'accordo.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS