Navigation

Germania: auto contro corteo Carnevale, 30 feriti

Auto investe un corteo di carnevale Volkmarsen KEYSTONE/AP/Uwe Zucchi sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 febbraio 2020 - 20:41
(Keystone-ATS)

Un 29enne tedesco a bordo di un'auto si è lanciato contro il corteo di Carnevale a Volkmarsen, in Assia. A detta di qualche testimone, avrebbe puntato proprio i bambini. Ben 30 persone sono rimaste ferite, sette in condizioni gravissime.

Le modalità hanno subito fatto pensare al terrorismo. La polizia l'ha definito un gesto "intenzionale", e si è fatto un gran caos per stabilire se si debba definire anche quello che è accaduto oggi un "attentato" oppure no, a pochi giorni dalla strage di Hanau, commessa da un uomo affetto da gravi disturbi psichici, che era però anche "profondamente razzista", nello stesso Land.

La polizia dice di no, il ministro dell'Interno dell'Assia afferma invece che questa ipotesi non possa essere esclusa. Quel che è certo è che il giovane tedesco, alla guida della Mercedes stationwagon grigia metallizzata che ha investito la folla intorno alle 14.45, fermato dalla polizia subito dopo il fatto non era in grado di rispondere all'interrogatorio. È nato a Volkmarsen, ha 29 anni, "non è noto come estremista" alla polizia del luogo e sarebbe rimasto a sua volta ferito: motivo per il quale non avrebbe potuto rispondere all'interrogatorio degli inquirenti. Alcuni media tedeschi hanno scritto anche che fosse fortemente alcolizzato.

L'azione è stata voluta: l'automobilista ha aggirato una transenna con l'auto, si è avvicinato a 30 metri dal gruppo e "poi ha dato gas", secondo la testimonianza raccolta dai media locali.

La piccola comunità di un paesino di 6.800 anime, a 30 km da Kassel, è adesso sotto shock. Nel giro di poco tempo, appena si è diffusa la notizia, sono state interrotte tutte le altre sfilate della regione.

In serata si è appreso che c'è stato un secondo fermo. Non è chiaro se il fermato sia un sospettato o un testimone, secondo quanto ha dichiarato il presidente della polizia di Francoforte.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.