Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La corte amministrativa di Kassel, in Germania, ha respinto il ricorso di un'undicenne di Francoforte, di religioen maomettana, che si rifiutava di frequentare un corso di nuoto misto con il resto della classe.

Tra la libertà religiosa e il compito educativo obbligatorio riservato allo Stato, i giudici hanno deciso a favore del secondo, ha scritto la stampa tedesca, tanto più che alla giovane, oggi dodicenne, era stato permesse di frequentare le lezioni di nuoto indossando il cosiddetto "burkini", un costume intero che copre anche gambe, braccia e testa.

Per difendere il proprio senso del pudore, La Ragazzina voleva però anche evitare di vedere i ragazzi in costume. In accordo con altre sentenze simili, la corte di Kassel non ha tuttavia riconosciuto valide le sue ragioni. Considerato il valore generale della questione, i giudici hanno comunque concesso il ricorso alla corte amministrativa federale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS