Navigation

Germania: fisco vicino acquisto dati su evasori in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2012 - 18:44
(Keystone-ATS)

Il mandato d'arresto spiccato dalla giustizia elvetica contro di lui non sembra averlo intimorito: l'ispettore del fisco tedesco Peter B. starebbe infatti trattando per acquistare un nuovo cd con i dati bancari, ottenuti illegalmente, di connazionali presunti evasori con conti in Svizzera.

Lo rivela oggi il sito del settimanale Der Spiegel, secondo cui Peter B., a capo dell'ufficio della Finanza di Wuppertal, in Nordreno-Vestfalia, è vicino all'acquisto di una lista di nomi e conti correnti rubata in Svizzera da insider negli archivi della Coutts-Bank di Zurigo, consociata elvetica della Royal Bank of Scotland.

Su Peter B. e altri due colleghi era stato spiccato il mese scorso un mandato di cattura dal Ministero pubblico della Confederazione. Ai tre uomini del fisco tedesco Berna contesta, spiega Der Spiegel, non tanto l'acquisto, ripetuto, di cd con dati di correntisti tedeschi presunti evasori, quanto l'aver agito attivamente nella vicenda, inducendo gli insider al furto. Oggi i venditori chiedono due milioni di euro per i dati di circa mille clienti. All'acquisto, scrive il sito, sarebbe pronto a partecipare il ministero delle Finanze di Berlino, che si dividerebbe la spesa con le autorità fiscali del Nordreno-Vestfalia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?