Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Germania continuano le aggressioni politiche da parte di estremisti di destra e neonazisti. Nel 2014 sono stati almeno 40 gli attacchi a sedi di partiti, uffici di eletti e persino al parlamento federale, il Bundestag. È quanto emerge dalla risposta del governo a un'interrogazione del partito della sinistra radicale Die Linke, resa nota dal settimanale Der Spiegel.

La risposta conferma precedenti informazioni della polizia, rese note dopo l'attacco incendiario al palazzo del Bundestag dello scorso 24 novembre. Stando al rapporto, sarebbero da ascrivere ai movimenti neonazisti anche altri attentati incendiari, ancora nel Bundestag e alla centrale del partito Cdu della cancelleria Angela Merkel. Protagonista degli attacchi sarebbe il gruppo Movimento per la resistenza tedesca (DWB). Gli investigatori stanno chiarendo se si tratti di un gruppo terrorista.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS