Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'orso Knut dello zoo di Berlino, deceduto improvvisamente il 19 marzo scorso, è morto in seguito a un'alterazione cerebrale e non - come qualcuno aveva ipotizzato - a causa dello stress o di una malformazione genetica. È questo il risultato definitivo dell'autopsia eseguita sulla carcassa dell'animale.

Secondo quanto ha riferito all'agenzia Dpa l'istituto berlinese che ha eseguito l'autopsia, l'orso ha subito un allargamento dei ventricoli cerebrali, che lo ha ucciso rapidamente.

Knut, come aveva mostrato un video degli ultimi istanti della sua vita, aveva perso l'equilibrio ed era caduto nella sua vasca, ma le analisi hanno dimostrato che non è morto annegato, anche se aveva dell'acqua nei polmoni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS