Navigation

Germania: ministra Baden-Wuerttemberg, proibire niqab a scuola

Per la ministra della cultura del Baden-Wuerttemberg Susanne Eisenmann (Unione cristiano democratica) il velo integrale a scuole va vietato. KEYSTONE/DPA/TOM WELLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 febbraio 2020 - 20:32
(Keystone-ATS)

La copertura totale delle ragazze a scuola dovrebbe essere proibita.

Lo sostiene la ministra della cultura del Baden-Wuerttemberg Susanne Eisenmann, all'indomani della pronuncia del tribunale di Amburgo che ha accolto il ricorso di una ragazza di una scuola di formazione professionale di 16 anni che si era opposta al divieto delle autorità scolastiche di lasciarle indossare il niqab (il velo tradizionale islamico che copre l'intero corpo e lascia scoperti solo gli occhi) a scuola.

Non è di questo avviso la ministra tedesca del Land, che oggi ha reagito dicendo che "anche la libertà di religione ha i suoi limiti, che concretamente consistono nel fatto che nelle nostre scuole insegnanti e allievi devono potersi guardare in faccia. Non tolleriamo nessuna copertura integrale nelle nostre scuole".

La sentenza di ieri di Amburgo ha rilanciato il dibattito sul velo integrale o semi-integrale in scuole e università. In Schleswig-Holstein i Verdi hanno bloccato un'iniziativa dell'Unione cristiano democratica (Cdu) e dei liberali volta a introdurre un divieto di velo semi-integrale nelle università del Land al confine con la Danimarca.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.