Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il mondo culturale tedesco piange la scomparsa della scrittrice Gabriele Wohmann, esponente del celebre Gruppo 47 e affermata autrice di racconti di vita quotidiana dal punto di vista femminile. È deceduta ieri in un ospedale di Darmstadt all'età di 83 anni.

Nei racconti "Vittoria sulla tenebra" (1960) e "Festa campestre" (1968) e nel romanzo "Congedo a lungo termine" (1965) descrive la violenza esercitata dai legami familiari e sociali sull'individuo, continuamente attaccato nella sua integrità da regole di gioco e modelli di vita.

Tra gli altri suoi romanzi figurano "Il gioco d'azzardo" (1981) e "Il suono del flauto" (1987). È autrice anche della raccolta poetica "Passau, binario 3" (1984). Nelle sue opere più recenti Wohmann presta attenzione, oltre ai problemi dei rapporti familiari, anche a quelli legati alla malattia e alla vecchiaia: "Si prega di non morire" (1993), "Ma il peggio non è ancora venuto" (1995), "L'handicap" (1996), "La piscina" (2000) e "Addio alla sorella" (2001). (segue)

Nata a Darmstadt nel 1932, Wohmann ha studiato germanistica all'Università di Francoforte sul Meno, e per un certo periodo ha lavorato come insegnante. Nel 1968 è stata ospite dell'Accademia di Villa Massimo a Roma. È autrice di vari cicli di poesie, radiodrammi e teledrammi, ma soprattutto di romanzi e, ancor più, di centinaia di racconti, grazie ai quali occupa una posizione di rilievo fra gli autori della sua generazione, la prima a non essere stata direttamente coinvolta nella tragedia della seconda guerra mondiale. È riconosciuta maestra del racconto breve, in cui con insistenza presenta situazioni, anche consuete della vita d'oggi, focalizzandole da un punto di vista femminile.

I funerali si svolgeranno domani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS