La procura generale tedesca ha arrestato due siriani di 42 e 56 anni, ex agenti del servizio segreto di Damasco, con l'accusa di aver commesso crimini contro l'umanità. I due sono stati fermati a Berlino e nella Renania Palatinato.

Sono sospettati della tortura sistematica di circa 2000 persone. Uno dei due, A. R., 56 anni, avrebbe gestito il carcere di Damasco, e qui, fra aprile 2011 e settembre 2012, avrebbe sistematicamente partecipato a pratiche di tortura. E. A., 42 anni, invece, avrebbe avuto il compito di arrestare i disertori e i dissidenti. Ogni giorno nel carcere gestito da A. R. sarebbero state torturate 100 persone.

E. A. viene sospettato quindi di aver contribuito alla morte di due persone, e al maltrattamento e alla tortura di circa 2000. I due uomini lasciarono la Siria nel 2012.

Un terzo agente, pure operativo nel carcere, è pure stato arrestato in Germania.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.