Tutte le notizie in breve

Fino al 2013 frequentò gli ambienti neonazisti e in alcuni video inveiva contro i musulmani il sospetto terrorista salafita, arrestato in settimana vicino Gottinga con l'accusa di voler compiere un attentato a poliziotti o soldati.

Lo riferisce Der Spiegel online, citando proprie informazioni. Il giovane, cui il sito del settimanale dà il nome di Sascha L., si sarebbe dunque radicalizzato molto velocemente perché fino a 4 anni fa compariva in video su un canale di YouTube nei quali accusava i musulmani di voler importare la Sharia in Germania e invitava gli eventuali spettatori a evitare di fare amicizia con loro. Era anche noto alle autorità per appelli ad azioni contro i migranti.

Der Spiegel online aggiunge che Sascha L. si sarebbe poi nel 2014 convertito all'islam, come risulta da un procedimento nei suoi confronti perché aveva diffuso su internet il simbolo dell'Isis.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve