Navigation

Germania: scarcerato moderatore TV svizzero Kachelmann

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 luglio 2010 - 14:39
(Keystone-ATS)

BERNA - Il moderatore televisivo svizzero Jörg Kachelmann è stato scarcerato dopo aver trascorso oltre quattro mesi in detenzione preventiva. La corte d'appello di Karlsruhe (D) ha revocato oggi il mandato d'arresto e ha decretato la "liberazione immediata" del 52enne accusato di aver violentato la sua ex compagna.
Secondo la corte, allo stadio attuale del procedimento il dossier a carico di Kachelmann non è abbastanza solido per giustificare la sua detenzione: il 52enne ha sempre respinto ogni addebito e l'unico testimone a carico è la sua ex compagna. Il processo contro Kachelmann inizierà il 6 settembre. Se riconosciuto colpevole rischia fino a 15 anni di prigione.
Kachelmann, titolare di una delle principali società europee attive nel settore delle previsioni del tempo, era in carcere a Mannheim (D) dal 20 marzo scorso: il 19 maggio la procura aveva confermato la detenzione preventiva e lo aveva rinviato a giudizio per violenza carnale aggravata e lesioni personali pericolose.
I fatti a cui si riferisce l'atto d'accusa risalirebbero a inizio febbraio e sarebbero avvenuti nell'appartamento di Kachelmann a Schwetzingen (Baden-Württemberg). Stando all'accusa, il 52enne ha stuprato la sua amica 36enne, con la quale aveva una relazione da diversi anni, ferendola inoltre alla gola con un coltello e minacciandola di morte.
Nato il 15 luglio 1958 a Lörrach (D), ma cresciuto a Sciaffusa, il meteorologo è un volto molto noto ai telespettatori di lingua tedesca. Negli anni '90, Kachelmann è stato pure responsabile della meteo a SF DRS.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.