Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La foto impazza sulla rete e viene costantemente riproposta dai tg: un caloroso abbraccio di Gerhard Schroeder con Vladimir Putin è diventato il tormentone del giorno in Germania. L'ex cancelliere socialdemocratico tedesco, ieri a San Pietroburgo, ha festeggiato i suoi 70 anni, partecipando a un ricevimento organizzato in suo onore dal consorzio North Stream - che come è noto presiede - al quale fra oltre cento ospiti era invitato anche il leader del Cremlino.

Nel clima di contrapposizione fra l'Occidente e Mosca innescato dalla crisi in Ucraina, segnato in queste ore anche dagli appelli carichi di tensione di Berlino per la liberazione dei 13 ostaggi dell'Osce trattenuti dai filorussi nell'est del Paese (4 sono tedeschi), il party dell'ex leader dello Spd ha scatenato critiche durissime.

Il governo di grande coalizione guidato da Angela Merkel ha preso apertamente le distanze: una fonte sollecitata in conferenza stampa a Berlino ha chiarito che "Schroeder non aveva alcun mandato da parte del governo tedesco", sottolineando che "è evidente che l'ex cancelliere sia fuori dalla vita politica attiva".

Ma Schroeder - da tempo a 'libro pagà di Mosca in veste di numero 1 del consorzio che fa capo a Gazprom e che ha lanciato il gasdotto russo-tedesco - è pur sempre un ex cancelliere. E proprio in queste ore la Germania vive con angoscia la prigionia di alcuni connazionali, circostanza che ha contribuito a indurre l'annuncio delle nuove sanzioni contro Mosca che stanno facendo infuriare Putin. Insomma, non proprio uno sfondo da compleanno.

SDA-ATS