Navigation

Germania: Siemens conferma accordo miniera, attivisti delusi

Siemens indispone gli attivisti per il clima. KEYSTONE/EPA dpa/MAJA HITIJ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 gennaio 2020 - 21:22
(Keystone-ATS)

Il Ceo di Siemens Joe Kaeser ha annunciato che terrà fede agli accordi di fornitura presi con la multinazionale indiana Adani per la collaborazione al progetto di una delle miniere più grandi del mondo in Australia, nonostante le proteste degli attivisti per il clima.

Siemens ha reso noto di aver valutato tutte le opzioni e di essere giunta alla conclusione della necessità di dare seguito agli accordi contrattuali presi.

L'attivista tedesca di Fridays for Future Luisa Neubauer, che venerdì scorso aveva ricevuto dallo stesso Ceo l'offerta di entrare nel board del Consiglio di sorveglianza di Siemens Energy e due giorni dopo aveva declinato l'invito a mezzo stampa, si è detta molto delusa.

"Lunedì Fridays for Future invoca dimostrazioni spontanee contro la decisione sbagliata di Joe Kaeser", ha scritto Neubauer su twitter. "Non si tratta di qualche tipo di contratto. Ma con il progetto Adani si tratta di dire addio a 1,5 gradi, si tratta del futuro e della responsabilità", ha proseguito l'attivista. Davanti alla sede di Monaco di Siemens hanno partecipato oggi un centinaio di dimostranti con cartelli che citano la dichiarazione dell'attivista svedese Greta Thunberg all'Onu "How dare you", "come osate".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.