Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per il 2015 si calcolano 750 mila richieste di asilo in Germania, secondo quanto ha scritto Handelsblatt. A fronte di attese ferme finora a 450 mila.

Il fenomeno sta chiaramente esplodendo, e la politica ha i nervi tesi. Domani, sarà il ministro cristiano democratico Thomas De Maiziere a presentare i dati ufficiali.

La tendenza al boom si era manifestata già nei primi sei mesi del 2015: 179 mila persone hanno fatto richiesta di asilo in Germania, il 132% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Il primo paese di provenienza è la Siria, seguito da Kosovo, Albania, Serbia, Iraq, Afghanistan, Macedonia e Bosnia Erzegovina.

Non sono solo i numeri, però, a suggerire che la situazione è di complicata gestione. Diversi sindaci stanno denunciando di sentirsi lasciati soli, dal momento che l'alloggiamento dei profughi è di competenza degli enti locali. E le risorse non sono ritenute adeguate all'impresa.

Polemiche, insomma, dentro e fuori il Paese. Il ministro per lo sviluppo Gerd Mueller ha contestato la marcia bassa dell'Europa in materia: "La Commissione europea passi da modalità ferie a modalità emergenza - ha detto dalle pagine del Passauer Neue Presse -. Abbiamo bisogno finalmente di un commissario europeo per i profughi".

La Frankfurter Allgemeine Zeitung è tornata invece, in prima pagina, sulle polemiche con l'Italia, che non registra i migranti: l'effetto è che masse incontrollate di persone raggiungono la Germania. Del fatto che l'emergenza allarmi seriamente Berlino, si è avuta conferma nei toni della cancelliera Angela Merkel, che nel corso dell'intervista estiva alla ZDF domenica scorsa ha avvertito: i profughi impegneranno l'Europa anche più della crisi greca e della stabilizzazione dell'euro.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS