Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERLINO - Neonazisti tedeschi stanno sfruttando in maniera crescente i socialnetwork su internet come Facebook per fare proseliti, all'inizio camuffando le proprie intenzioni e i loro classici simboli.
Lo ha segnalato un responsabile regionale del Verfassungschutz, i servizi segreti interni, sottolineando che sulle prime i ragazzi non riescono a riconoscere che si tratta di estremisti di destra: invece che con svastiche, spesso i propagandisti neonazi si presentano con graffiti e altri simboli giovanili. Ma si tratta di "lupi sotto il manto di una pecora", ha detto al quotidiano Die Welt l'alto funzionario, Hans Wargel, responsabile dell'Ufficio per la tutela della costituzione nella regione della Bassa Sassonia.
A testimonianza della pericolosità del fenomeno, oggi il ministro dell'Interno federale, Thomas de Maiziere, parlando a Colonia ha messo i guardia da questi "pifferai" in azione su internet.

SDA-ATS