Navigation

Gersau (SZ): trovato relitto aereo militare caduto nel lago nel '41

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 marzo 2016 - 19:04
(Keystone-ATS)

Il relitto di un biplano dell'esercito svizzero precipitato nelle acque del lago dei Quattro Cantoni nel 1941 è stato rinvenuto alla fine del mese scorso da sommozzatori al largo di Gersau (SZ).

Il velivolo si trova a una profondità di 200 metri. Per ora non è chiaro se verrà recuperato.

Il sommozzatore professionista svittese Roger Eichenberger ha confermato all'ats un'informazione della Radiotelevisione svizzero tedesca (SRF). La carcassa, di cui Eichenberger non intende rivelare la posizione esatta, è stata individuata con l'ausilio di un robot. Il professionista, che ha fondato una società di sub, sta scandagliando il fondo del lago di fronte a Gersau da tre anni.

Stando alle informazioni fornite dallo stesso Eichenberger, il velivolo, del modello K+W C-35, prima di colare a picco è precipitato a vite. I due occupanti si gettarono dall'apparecchio col paracadute, ma uno non sopravvisse.

Un battello volle portare soccorso, ma dovette interrompere l'operazione perché tutti i passeggeri si erano spostati su un lato e l'imbarcazione rischiò di affondare.

Il biplano era stato costruito negli anni Trenta dalle officine federali Eidgenössische Konstruktionswerkstätte (K+W, oggi RUAG) di Thun (BE). Aveva un'apertura alare di 13 metri e poteva raggiungere una velocità massima di 335 km/h.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo