Navigation

Ghosn: arrestati in Usa due sospetti complici

Carlos Ghosn si considera vittima di un complotto. Keystone/AP Kyodo News/MEIKA FUJIO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 maggio 2020 - 17:33
(Keystone-ATS)

Le autorità americane hanno arrestato un ex soldato delle forze speciali Berretti Verdi e suo figlio, sospettati di aver aiutato nella sua fuga dal Giappone l'ex amministratore delegato di Nissan Carlos Ghosn, accusato di vari illeciti finanziari.

I procuratori federali americani hanno spiegato di aver agito su richiesta delle autorità giapponesi che hanno chiesto l'estradizione dei due uomini arrestati, Michael e Peter Taylor.

L'ex patron di Nissan-Renault-Mitsubishi era fuggito in maniera rocambolesca in Libano alla fine dell'anno scorso dal Giappone, dove era agli arresti domiciliari in attesa di un processo per frode industriale e finanziaria. Ghosn continua a dichiararsi innocente e vittima di un "complotto", orchestrato a suo dire, dalla casa automobilistica e dalla procura giapponese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.