La Banca del Giappone (Boj) ha deciso di lasciare il costo del denaro invariato, in territorio negativo, al -0,1%, e ha comunicato che continuerà ad espandere la propria base monetaria fino al raggiungimento dell'obiettivo di un'inflazione al 2%.

La finalità dell'istituto centrale, guidato dal governatore Haruhiko Kuroda, è sollecitare le banche e le istituzioni finanziarie a concedere più prestiti alla clientela, evitando di parcheggiare un'eccessiva liquidità nei forzieri della Boj, stimolando i consumi; e un ritorno dell'inflazione vicino all'obiettivo del 2% previsto inizialmente entro la fine dell'anno fiscale 2017 e successivamente posticipato.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.