Navigation

Giappone: cane salvato dopo tsunami ritrova padrona

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 aprile 2011 - 17:26
(Keystone-ATS)

Ha ritrovato la sua padrona grazie alla televisione il cane giapponese travolto dallo tsunami e salvato dopo venti giorni dalla guardia costiera sul tetto di una casa che galleggiava al largo. La padrona ha visto il salvataggio del suo animale in tv e lo ha riconosciuto, andando poi a riprenderlo al canile.

Il cane Ban era stato ritrovato vivo venerdì scorso (1 aprile) dalla guardia costiera sul tetto di una casa alla deriva a 2 km al largo di Kesennuma, nella prefettura di Miyagi. Si trovava lì dal giorno del terremoto e tsunami, l'11 marzo. L'animale era senza collare e non era stato possibile individuare il proprietario. Il cane era stato quindi portato in un centro di cura per gli animali sfuggiti alla furia delle acque.

La padrona ha visto un reportage della tv di stato Nhk sul salvataggio del cagnolino e si è recata subito al canile. Lì ha ritrovato il suo animale.

"Non saremmo mai riusciti a trovare la padrona", ha detto Toshiro Suzuki, responsabile della struttura, mentre il cane felice agitava la coda alla vista della sua proprietaria, anch'essa raggiante. "Sono felice per la riunione, dopo che erano stati separati dal disastro", ha aggiunto.

L'animale era stato rintracciato da un elicottero impegnato nel primo giorno della maxi-ricerca dei dispersi (che ha mobilitato quasi 30.000 militari tra giapponesi e americani) ed era stato avvicinato da una scialuppa di salvataggio.

L'operazione si era conclusa dopo un'ora, visto che l'animale, molto spaventato, aveva cominciato a fuggire dai soccorritori saltando sugli altri detriti galleggianti, costituiti in gran parte da legname alla deriva. L'offerta di cibo lo aveva calmato, e biscotti e salsicciotti datigli in seguito sulla motovedetta lo avevano definitivamente rassicurato.

Considerata la durissima prova, l'animale era stato trovato in buone condizioni. Molte persone si erano offerte di 'adottarlò, ma per fortuna non ce n'è stato bisogno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?