Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'imperatore del Giappone Akihito (foto d'rachivio).

KEYSTONE/EPA/FRANCK ROBICHON

(sda-ats)

Il governo giapponese ha approvato lo schema di legge che permetterà all'imperatore Akihito di aprire la successione al figlio e principe ereditario Naruhito, dando vita alla prima abdicazione di un monarca salito sul Trono del Crisantemo in circa 200 anni.

L'esecutivo del premier Shinzo Abe prevede l'effettivo passaggio dei poteri a dicembre 2018, quando l'imperatore avrà compiuto 85 anni (il 23 dicembre), mentre il nome della 'era' - che tradizionalmente accompagna il regno del sovrano - inizierà il primo gennaio del 2019. L'era corrente è la Heisei (pace ovunque), e ha avuto inizio il giorno in cui Akihito si è insediato, l'8 gennaio 1989.

La proposta di legge approvata dal governo esprime sentimenti di 'indulgenza e umanità' per l'avanzata età dell'imperatore, considerando la sua apprensione a non poter assolvere i suoi compiti e assumere incarichi di responsabilità importanti.

La data precisa del pensionamento verrà stabilita da una ordinanza del governo dopo la promulgazione di una legge specifica al processo di abdicazione. Attualmente nella legge della Casa imperiale non è prevista la successione ad un imperatore ancora in vita.

Dall'inizio della monarchia giapponese, la più antica al mondo, a partire dal 660 a.C. si sono succeduti 125 sovrani. L'abdicazione di Akihito sarebbe la prima dal 1817, quando avvenne la rinuncia al trono dell'imperatore Kokaku.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS