Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Junko Ishido, madre di Kenji Goto, uno dei due ostaggi in mano ai militanti dell'Isis, ha lanciato un appello per il suo rilascio in vista della scadenza dell'ultimatum sul pagamento del riscatto di 200 milioni di dollari.

"Kenji non è nemico dello Stato islamico", ha detto la donna incontrando la stampa internazionale dopo aver rilasciato una dichiarazione in cui chiede al governo nipponico "di salvare la vita di Kenji. Il tempo a disposizione sta scadendo".

Il premier Shinzo Abe, nel corso di una riunione del suo gabinetto, ha ribadito l'invito ai suoi ministri a fare "tutto il possibile" per una soluzione positiva della crisi. "Stiamo facendo ogni sforzo per il rilascio dei due in una situazione estremamente grave", ha affermato un portavoce del governo nipponico, assicurando che Tokyo "continua a contribuire alla lotta internazionale al terrorismo, senza cedere al terrorismo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS