Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il governo giapponese approva il nuovo piano di politica energetica a 18 mesi dalla grave crisi di Fukushima, ma fa marcia indietro sull'obiettivo di chiudere l'esperienza nucleare nell'arco di un trentennio.

L'obiettivo temporale degli anni 2030, segnato nella versione approvata venerdì dalla riunione ministeriale e ritenuto essere definitiva, è stato 'cancellato', rilanciando le voci sul malcontento diffuso che ha unito trasversalmente la lobby dell'industria nucleare e delle imprese (come la Keidanren, potente Confindustria nipponica), i sindacati, i governi locali che ospitano gli impianti e contrari alla chiusura per la perdita di occupazione e di alcune associazioni di consumatori, sia per la mancanza di indicazioni sul 'caro bolletta' sia per la generale approssimazione sulle delle fonti energetiche alternative.

Il governo, ha spiegato il vicepremier Katsuya Okada in un briefing con la stampa, si pone il traguardo di azzerare il nucleare e "non ha mai dato il limite degli anni 2030, ma farà di tutto per accelerare sulle fonti alternative", rispettando tre principi: "no alla costruzione di nuovi reattori tranne che di quelli già autorizzati, smantellamento di quelli con più di 40 anni di vita, riavvio delle unità che hanno superato i test di sicurezza della nuova Commissione di regolamentazione".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS