Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo scandalo sulle emissioni anti smog rivelato la scorsa settimana dalla Mitsubishi Motors, potrebbe costare alla compagnia giapponese l'intero utile per l'anno fiscale 2015, pari a oltre 100 miliardi di yen (800 mln di euro).

È quanto sostengono gli analisti interpellati dalla Jiji Press, che mettono a confronto le stime sull'utile consolidato dell'anno concluso a marzo, e le spese presunte che l'azienda dovrà affrontare solo per i 4 modelli di minicar coinvolti nelle manipolazioni di cui si ha conferma.

Dopo aver rivelato la scorsa settimana metodi inadeguati per i test anti smog su 4 modelli di mini car, per un totale di 625.000 vetture, il gruppo auto nipponico ha ammesso che la pratica scorretta è stata adottata per almeno 25 anni, a partire dal 1991.

I costi di maggiori danni legati a rimborsi sembrano prendere più consistenza man a mano che aumenta il numero dei modelli inquadrati nelle falsificazioni dei dati. Alcuni analisti ritengono che i modelli possano essere almeno una dozzina, che significherebbe milioni di vetture.

Il costruttore auto dovrà inoltre pagare le tasse e restituire le sovvenzioni accordate dal governo per le erronee indicazioni riportate. Un portavoce del ministero dei Trasporti giapponese ha dichiarato che il governo sta acquisendo maggiori informazioni e ha istituito una task force con allo studio misure per prevenire il verificarsi di queste contingenze.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS