Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha visitato oggi il Yasukuni Shrine, il santuario della pace nazionale dedicato alle anime di soldati e altre persone che morirono combattendo al servizio dell'Imperatore. Cina e Corea del Sud hanno espresso la loro ferma opposizione.

Il santuario scintoista situato nel cuore della capitale Tokyo onora le anime di 2,5 milioni di soldati morti per il Giappone. La sua cattiva reputazione deriva dal fatto che furono registrati nel 1978 anche i nomi di 14 criminali di guerra condannati nell'elenco dei caduti celebrati. E tra questi figura anche il nome del generale Hideki Tojo, primo ministro giapponese durante l'attacco a Pearl Harbor il 7 dicembre 1941.

Yasukuni è quindi particolarmente inviso alla Cina ma anche alla Corea del Sud che protestando ogni volta che i funzionari governativi, anche solo ministri, fanno delle visite al santuario.

La visita di Abe è "assolutamente inaccettabile per il popolo cinese" e il Giappone dovrà "sopportare le conseguenze", ha detto il Direttore generale degli Affari asiatici del ministero cinese degli Esteri, Luo Zhaohui. Anche un portavoce del governo sud coreano ha espresso "rammarico e rabbia" per la decisione del premier giapponese che viene definita "anacronistica".

E anche gli Usa si distanziano. dell'ambasciata degli Stati Uniti a Tokyo. "Il Giappone è un alleato e un amico. Tuttavia gli Stati Uniti sono delusi dal fatto che il governo giapponese abbia preso questa iniziativa, che esacerbare le tensioni con i paesi limitrofi al Giappone", ha fatto sapere l'ambasciata americana a Tokyo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS