Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il primo incontro in assoluto tra il premier giapponese Shinzo Abe ed il presidente sudcoreano Park Geun-Hye segna il primo passo verso il disgelo tra i due 'alleati' di fatto ma rivali storici.

I due Paesi sono ancora divisi dai crimini commessi dalle truppe nipponiche durante l'occupazione iniziata nel 1910.

Nello storico incontro si è iniziato a discutere di una soluzione ad uno dei problemi più spinosi, quello delle cosiddette "donne di conforto" sudcoreane, costrette a prostituirsi nelle case chiuse usate dalle truppe del Tenno. Questo aspetto non risolve decenni di rancore ma rappresenta un primo passo da cui partire per sbloccare le relazioni tra Tokyo e Seul.

Abe ha ribadito le sue scuse e ha esortato a fare il prima possibile per superare le divisioni del passato in modo da "lasciare alle giovani generazioni un clima migliore". Nel 1965 Tokyo pagò 800 milioni di dollari come risarcimento alle vittime dello sfruttamento sessuale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS