Navigation

Ginevra: 15 anni di carcere per assassinio

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 giugno 2011 - 14:44
(Keystone-ATS)

Un lituano di 31 anni è stato condannato a 15 anni di carcere dal tribunale criminale di Ginevra, per aver ucciso a botte nel 2004 un pensionato 77enne residente Meyrin (GE). La notizia è stata confermata dalla procura pubblica ginevrina.

L'uomo, che ha sempre negato i fatti, è stato riconosciuto colpevole di assassinio. È stato identificato grazie a una telecamera di sorveglianza che lo ha ripreso a Mulhouse (F) mentre tentava di prelevare soldi da un bancomat utilizzando la carta di credito della sua vittima.

Il pensionato - che al momento del ritrovamento aveva il volto tumefatto, numerose costole fratturate e le mani legate - è stato brutalmente percosso, a casa sua, verosimilmente perché rivelasse il codice della carta. È probabile che il lituano non abbia agito da solo, ma gli eventuali complici non sono mai stati rintracciati. In aula la pubblica accusa aveva chiesto 17 anni di reclusione, mentre la difesa si era battuta per l'assoluzione su tutta la linea.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?