Navigation

Ginevra: boliviani in piazza contro Morales

Il presidente boliviano Evo Morales, autoproclamatosi vincitore delle elezioni. KEYSTONE/AP/JUAN KARITA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2019 - 20:18
(Keystone-ATS)

Circa 250 boliviani hanno manifestato stasera sulla Place des Nations di Ginevra per protestare contro Evo Morales, autoproclamatosi oggi vincitore delle presidenziali nel Paese andino.

I presenti, che hanno chiesto a Svizzera e ONU di esprimersi in loro sostegno, accusano il leader socialista di brogli elettorali.

I manifestanti hanno lamentato l'assenza di reazioni internazionali in merito alle accuse di manipolazione dei risultati del primo turno delle presidenziali. Morales, in carica dal 2006, ha affermato di essersi imposto senza passare dal ballottaggio, a cui si ricorre se fra due candidati - l'altro è l'ex presidente centrista Carlos Mesa - vi sono meno di dieci punti percentuali di differenza.

Con lo spoglio in dirittura d'arrivo, Morales è vicino al 47%, Mesa al 37%. Ma l'opposizione è scesa in piazza parlando di una presunta truffa, mentre il presidente ha risposto gridando al golpe.

"È al potere da 13 anni, non è normale", ha detto all'agenzia Keystone-ATS uno dei dimostranti riunitisi a Ginevra. La folla ha scandito cori pro democrazia e contro il capo di Stato, insultato e tacciato di essere un dittatore.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.