Navigation

Ginevra: detenuti fanno a botte con secondini

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 ottobre 2010 - 14:38
(Keystone-ATS)

GINEVRA - Sei detenuti rinchiusi nel carcere ginevrino di Champ-Dollon hanno fatto a botte ieri sera con alcuni secondini, uno dei quali è rimasto ferito non gravemente. Per neutralizzare i facinorosi, è stata chiamata la polizia, ha detto all'ATS il direttore del penitenziario Constantin Franziskakis, confermando una notizia pubblicata dalla "Tribune de Genève". I sei "ribelli" sono stati rinchiusi in cellule di punizione, dove passeranno da cinque a 10 giorni.
Certi incidenti potrebbero essere la conseguenza della sovrappopolazione di Champ-Dollon, struttura costruita per 270 detenuti, ma che ora ne ospita 571. A inizio settembre, due carcerati che cercavano di fuggire sono stati fermati in tempo. Nell'agosto scorso, un tentativo organizzato da tre detenuti è stato sventato dall'intervento dei secondini, che se la sono cavata con contusioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.