Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Ginevra: spese allegre, Guillaume Barazzone non si ripresenterà

Guillaume Barazzone non ripresenterà alle elezioni per il Consiglio Nazione e per l'esecutivo ginevrino, dopo lo scandalo delle "spese allegre"

KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI

(sda-ats)

Il consigliere nazionale e municipale di Ginevra Guillaume Barazzone (PPD), sotto i riflettori per le elevate spese fatturate alla città, lascerà il Consiglio nazionale alla fine della legislatura e non si ripresenterà alle elezioni per l'esecutivo cittadino nel 2020.

Il municipale PPD è stato spinto a prendere questa decisione a seguito delle scandalo delle spese allegre dei municipali. Da una verifica effettuata dalla Corte dei conti è infatti emerso che i cinque membri dell'esecutivo ginevrino hanno usato i soldi dei contribuenti per spese non legate alla loro funzione.

Barazzone - già nel mirino del Ministero pubblico nell'ambito di un procedimento per accettazione di vantaggi legato a un viaggio ad Abu Dhabi nel 2017 - è risultato il più "spendaccione": per lo scorso anno 42'000 franchi di spese, di cui oltre 17'000 franchi di costi di telefonia mobile e circa 3000 franchi in taxi, in parte in piena notte e verso indirizzi privati.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.