Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il blogger russo Ruslan Sokolovsky in attesa di una seduta del tribunale lo scorso 13 marzo.

KEYSTONE/EPA KOMSOMOLSKAYA PRAVDA/ALEXEI BULATOV

(sda-ats)

Il blogger russo Ruslan Sokolovsky è stato riconosciuto colpevole "di tutti i capi di accusa" dal tribunale di Ekaterinburg per aver giocato a Pokemon Go all'interno della Cattedrale sul Sangue e condannato a tre anni di carcere con la condizionale.

Ora svolgerà lavori socialmente utili. "La corte giudica l'imputato colpevole d'incitamento all'odio, violazione dei sentimenti religiosi e possesso illegale di mezzi tecnici speciali", ha detto il giudice in aula. Lo riposta l'agenzia di stampa Tass.

Sokolovsky è stato fermato nel settembre 2016 dopo aver pubblicato un video in cui giocava a Pokemon Go all'interno della Cattedrale sul Sangue a Ekaterinburg; nel video, a quanto pare, equiparava Gesù Cristo ai personaggi del gioco.

Il pubblico ministero aveva sottolineato che il riconoscimento della condizionale avrebbe istigato un "sentimento d'impunibilità" e dunque aveva chiesto al giudice una "pena reale". Il blogger si era dichiarato non colpevole.

L'avvocato di Sokolovsky ha definito la sentenza "una vittoria" - proprio perché non contempla il carcere vero per il suo assistito - e ha detto di non sapere ancora se ricorrerà in appello.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS