Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il governo giordano ha reso pubblici i nomi di centomila lavoratori immigrati illegali nell'ambito di una campagna volta a mettere fine a questo fenomeno. Secondo cifre non ufficiali, sono mezzo milione gli immigrati illegali in Giordania, molti dei quali impiegati nei settori delle costruzioni e dell'agricoltura.

Il ministero del Lavoro ha pubblicato anche un'altra lista di lavoratori i cui permessi sono scaduti alla fine del 2012. Tra di loro il 25 per cento sono egiziani, seguiti da cittadini di altri Paesi arabi, in particolare Sudan, Siria e Iraq. Le altre nazionalità più rappresentate sono quella cinese, indiana, pachistana e vietnamita.

Il governo si propone di cominciare una campagna per espellere i lavoratori illegali all'inizio del 2014, secondo il ministero del Lavoro. Secondo le stime ufficiali, la disoccupazione in Giordania è al 14,3 per cento, ma secondo dati ufficiosi si attesta intorno al 25 per cento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS