Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente Recep Tayyip Erdogan

KEYSTONE/EPA MTI/TAMAS KOVACS

(sda-ats)

"Stiamo indagando sulla vicenda in tutte le sue dimensioni. È un incidente che è avvenuto nel nostro Paese, non possiamo restare in silenzio perché non è un incidente ordinario".

Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, tornando a parlare del caso del giornalista saudita Jamal Khashoggi, scomparso 9 giorni fa dopo essere entrato nel consolato del suo Paese a Istanbul.

"È possibile non avere un sistema di telecamere in un consolato o un'ambasciata? Possono trovare anche un uccello o una zanzara con i sistemi avanzati che hanno", ha aggiunto Erdogan, restando tuttavia prudente sul caso: "non è giusto trarre conclusioni basate su congetture, ma siamo preoccupati. E vediamo che gli Stati Uniti hanno le stesse preoccupazioni".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS