Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giovani svizzeri si muovono meno di media europea, ticinesi ultimi (foto simbolica)

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Lo sport gode di un'ottima immagine tra i giovani svizzeri, ma dal 2008 è in calo il tempo che bambini e adolescenti dai 6 ai 19 anni dedicano all'attività fisica.

"Si muovono decisamente di meno rispetto alla media europea", constata la Promozione Salute Svizzera. E i ticinesi sono gli ultimi sotto questo aspetto.

Secondo lo studio Health Behaviour in School-aged Children (HBSC) condotto dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) su scala europea i quindicenni svizzeri si piazzano al terzultimo posto, scrive in una nota pubblicata oggi la fondazione privata sostenuta da Cantoni e casse malattia.

Da un altro studio, il SOPHYA (Swiss Children's Objectively Measured Physical Activity) emerge inoltre che i bambini e i ragazzi dai 6 ai 16 anni trascorrono il 90% della giornata seduti, sdraiati o praticando attività solo di bassa intensità.

È pur vero che il 64% di loro svolge almeno i 60 minuti di movimento al giorno raccomandati. Ma il tempo dedicato all'attività fisica diminuisce sensibilmente con l'aumentare dell'età. Mentre nella fascia dai 6 ai 10 anni quasi tutti i maschi (94,5%) e anche la maggior parte delle femmine (84,1%) seguono le raccomandazioni sull'attività fisica, tra gli 11 e i 16 a osservarle sono solo poco più della metà dei maschi e solo un quarto delle femmine.

La gamma dei fattori che incidono sul comportamento motorio dei bambini e dei ragazzi è ampia. Lo studio SOPHYA mostra come ad esempio il sesso, la provenienza regionale o il "comportamento motorio" dei genitori incidano sull'attività fisica di bambini e giovani dai 6 a 16 anni. E qui emerge una nota dolente: "i bambini e i ragazzi che si muovono di meno sono i ticinesi".

In generale, i maschi praticano più attività delle femmine, mentre si rilevano poche differenze tra città e campagna. Per quanto riguarda i genitori, a influire sui figli non è soltanto il loro comportamento motorio: anche un alto carico di lavoro può avere effetti negativi. Due dati infine che non sorprendono: chi ha fratelli si muove di più rispetto ai figli unici e i figli di genitori con un alto livello di istruzione e un buon reddito fanno più sport della media.

https://promozionesalute.ch

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS