Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I delegati dei Giovani UDC, riuniti ieri in assemblea a Granges-Paccot (FR), hanno adottato una risoluzione che chiede la reintroduzione dei controlli alle frontiere elvetiche.

L'aumento degli effettivi delle guardie di confine dovrà essere finanziato utilizzando fondi derivanti da risparmi compiuti nel settore dell'aiuto allo sviluppo, indica il partito in una nota diffusa oggi.

I delegati hanno in seguito assistito alla presentazione dei 179 candidati al Consiglio Nazionale per le elezioni federali di ottobre, suddivisi in 19 liste depositate in 17 cantoni. Nelle altre regioni i Giovani UDC figurano sulle liste dell'UDC.

Presentato lo scorso giugno, il programma del partito si oppone alla "rampante adesione all'Unione europea" e punta su una riduzione delle imposte, un rafforzamento dell'esercito e un maggiore controllo dell'immigrazione. I Giovani UDC intendono infine combattere il "terrorismo ecologico e l'irrealistica svolta energetica".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS