Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo l'Engadina (GR), San Gallo e il Vallese anche la Svizzera centrale ha i suoi gipeti: la Fondazione Pro Gipeto (FPG) ha infatti liberato oggi nel canton Obvaldo tre giovani uccelli.

I tre gipeti, che sono stati rilasciati nella bandita federale di caccia dello Huetstock all'estremità sudorientale del cantone, provengono da un programma internazionale di allevamento: uno è arrivato dall'Austria, l'altro dalla Catalogna e il terzo dal Parco naturale e faunistico di Goldau (SZ).

Il gipeto, noto anche come avvoltoio barbuto o avvoltoio degli agnelli, era presente nella Svizzera centrale fino al XIX secolo, rammenta la FPG in una nota diramata oggi. Poi è scomparso, come dal resto della regione alpina, perché sterminato dall'uomo. L'uccello aveva la cattiva reputazione di essere un cacciatore di agnelli. In realtà non attacca prede ma si nutre delle ossa di animali già morti.

La sua reintroduzione in Svizzera è cominciata con un programma avviato nel 1987 nei Paesi dell'arco alpino. Dal 1991 la FPG ha liberato 26 gipeti nel Parco nazionale nei Grigioni e altri dodici nel canton San Gallo. Coppie si sono poi formate in Engadina e Vallese. Le prime nascite in natura sono state registrate nel 2007.

Il gipeto è una delle grandi specie di avvoltoi che vivono in Europa. Ha un'apertura alare che può raggiungere i tre metri e pesa tra i cinque e i sette chili.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS