Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Gioventù socialista Svizzera (GISO) ha consegnato oggi nelle mani di Stéphane Rossini, presidente del Consiglio nazionale, la petizione "Più diritti per gli apprendisti" corredata di 16'000 firme.

Indirizzata al Parlamento, rivendica tra l'altro un salario minimo per apprendisti e stagisti e il diritto all'impiego e alla formazione dopo la scolarizzazione obbligatoria.

In aprile la GISO aveva lanciato la sua campagna "Fight for your rights!", esigendo per gli apprendisti maggiori diritti e una migliore protezione contro gli abusi. Stimano in particolare che più della metà degli apprendisti effettui almeno una volta al mese ore supplementari non pagate.

L'apprendistato - affermano in una nota - perde sempre più valore a causa dei bassi salari, di una mancanza di supervisione della formazione e di vari abusi. Per migliorare la situazione era stata lanciata la petizione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS