Navigation

Glencore fornirà cobalto a Samsung

La sede di Glencore a Baar (ZG). KEYSTONE/URS FLUEELER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 febbraio 2020 - 11:14
(Keystone-ATS)

A partire da quest'anno fiscale Glencore, il gigante minerario svizzero, fornirà cobalto al produttore di batterie Samsung SDI, azienda di proprietà dell'omonimo conglomerato sudcoreano.

Lo indica una nota odierna della società, in cui non si rivela il prezzo della transazione. La durata del contratto è di cinque anni. Il cobalto necessario verrà prelevato dal sito di estrazione di proprietà del colosso di Zugo ubicato nella Repubblica Democratica del Congo (RDC).

Il contratto prevede la consegna di 21.000 tonnellate di cobalto entro il 2025, precisa la nota. Questo elemento serve per la produzione delle batterie al litio di smartphone, tablet, computer e automobili elettriche.

Per la cronaca, la società con sede a Baar (ZG) è stata citata lo scorso dicembre, assieme ad altre multinazionali, in una causa collettiva negli Stati Uniti sulle condizioni di lavoro nelle miniere di cobalto. L'organizzazione non governativa, International Rights Advocates (IRA), ha denunciato i casi di "centinaia, persino migliaia di bambini mutilati o uccisi" nella RDC.

Il gruppo Glencore aveva risposto dichiarando che IRA, una ong di avvocati con sede a Washington, gli aveva attribuito "per errore" delle concessioni di sfruttamento che di fatto non gli appartengono, sottolineando di non tollerare alcuna forma di lavoro dei bambini.

La denuncia è rivolta contro le multinazionali statunitensi Apple, Google, Microsoft, Tesla e Dell, sospettate di aver aiutato e incoraggiato lo sviluppo di una catena di approvvigionamento di cobalto con condizioni di lavoro miserabili nella RDC.

Glencore è il più grande produttore privato di cobalto al mondo. Quotata alle borse di Londra e Johannesburg (Sudafrica), la multinazionale è presente in oltre 50 paesi con 158'000 dipendenti. Glencore commercia 90 materie prime, per alcune delle quali ha quote di mercato assai significative.

Il gruppo ha le sue origini nel Marc Rich Group fondato nel 1974 da Marc Rich, finanziere e imprenditore leggendario e controverso, morto nel 2013 a Lucerna.

L'azienda è spesso presa di mira da organizzazioni non governative per le condizioni di lavoro nelle miniere: l'impresa ha però sempre respinto le accuse, sostenendo che il rispetto dei diritti dei collaboratori e delle comunità locali è prioritario per la società.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.