Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il cambio di strategia si era iniziato a vedere nei mesi scorsi, ora la conferma: Google nei risultati delle ricerche online oltre ai link darà sempre più risposte dirette agli internauti, che così avranno sempre meno bisogno di cliccare sui link ai siti per trovare quello che cercano. La nuova rotta è stata messa nero su bianco dalla compagnia nel documento annuale inviato alla Securities and Exchange Commission Usa e, secondo il Wsj, sta cambiando il tipo di inserzioni pubblicitarie.

Da alcuni mesi Google ha introdotto un box informativo nella parte destra della sua pagina per le ricerche. Se si cerca un cantante, ad esempio, vengono visualizzati Wikipedia, foto, video e discografia e i link per comprare brani. Negli Usa, ad esempio, gli utenti che vogliono leggere il testo di una canzone lo vedono comparire come primo risultato della ricerca.

Come risultati delle ricerche, "eravamo soliti dare dei link che richiedevano all'utente di navigare nei siti web per trovare quello che stavano cercando, un'operazione che richiede tempo. Ora siamo sempre più in grado di fornire risposte dirette", scrive Google. La novità è utile per chi si collega dal piccolo schermo dello smartphone e può evitare di navigare su siti web non ottimizzati così come di digitare nella barra di ricerca, potendo porre la domanda a voce. A cambiare, di conseguenza, sono anche le inserzioni pubblicitarie, non più dei semplici testi. Se si cerca un hotel in una città si vede una lista di alberghi con relativi prezzi. Stessa cosa per un prodotto da comprare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS