Il Parco Val Calanca (GR) muove i suoi primi passi. Venerdì scorso è stata costituita l'omonima associazione, mentre dopodomani ad Arvigo saranno presentati logo, sito e le persone che lavorano al progetto per il primo Parco naturale regionale nella Svizzera italiana.

L'incontro aperto a tutta la popolazione, previsto giovedì 5 dalle 19 al Pretorio di Arvigo, sarà l'occasione per fare il punto sui lavori fin qui svolti, come indica a Keystone-ATS il sindaco di Rossa Graziano Zanardi, fra i primi ad aver creduto nel progetto dopo la bocciatura del Parc Adula. Il logo del parco è stato elaborato da uno studio grafico della regione, ispiratosi ai disegni dei ragazzi della Corporazione scolastica Valle Calanca presentati nel concorso indetto a tale scopo.

Alla testa dell'associazione Parco Val Calanca sono stati nominati Zanardi (presidente), Anton Theus (sindaco di Calanca, vicepresidente) e Rosanna Spagnolatti (vicesindaca di Buseno, membro di comitato).

La Charta del nuovo parco, ovvero contratto e piano di gestione della validità di 10 anni, sarà posta in votazione popolare a fine 2022. Zanardi si dice fiducioso: "Percepiamo la grande volontà della popolazione locale a mettersi in gioco, a cogliere questa opportunità per una maggiore visibilità della valle".

Nella fase di istituzione l'associazione voluta dai Comuni di Buseno, Calanca e Rossa, con l'appoggio del Comune alto mesolcinese di Mesocco, disporrà di un budget di 650'000 franchi l'anno per un quadriennio, che saliranno a oltre un milione di franchi nella fase di esercizio dal 2024 in poi. Il parco, che ha incassato lo scorso luglio il sostegno dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), si estenderà su oltre 100 chilometri quadrati di natura incontaminata sul territorio dei tre comuni calanchini e di Mesocco.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.