Navigation

GR: agricoltura più rispettosa del clima, taglio dei gas serra

Progetto cantonale per un'agricoltura rispettosa del clima, a basse emissioni di gas a effetto serra, creando un vantaggio competitivo per le aziende agricole grigionesi mediante basi e misure concrete. KEYSTONE/ARNO BALZARINI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 novembre 2019 - 11:01
(Keystone-ATS)

I Grigioni vogliono fare la loro parte nella sfida mondiale per la riduzione dei gas serra in ambito agricolo. Nel 2021 sarà lanciato un progetto pilota per migliorare l'efficienza delle risorse e compensare le emissioni. Dal 2025 misure estese a tutto il settore.

Il taglio delle emissioni e un'efficace protezione del clima rientrano fra le più grandi e importanti sfide dei prossimi anni, indica il governo retico in una nota odierna. In Svizzera l'agricoltura contribuisce nella misura del 13% alle emissioni inquinanti. Per questo il Cantone ha elaborato un nuovo progetto dal titolo "Agricoltura clima-neutrale per i Grigioni". Le misure proposte sono state studiate dall'Ufficio per l'agricoltura e la geoinformazione in collaborazione con i rappresentanti del mondo agricolo e delle associazioni di protezione dell'ambiente.

A mente del Governo retico la strategia della Confederazione, che mira entro il 2050 a tagliare di un terzo rispetto al 1990 le emissioni nella produzione (di due terzi in ambito alimentare), rappresenta un'opportunità per l'agricoltura grigionese, in gran parte bio (oltre il 60%) e situate in regioni di montagna.

Il progetto cantonale mira dunque alla transizione verso un'agricoltura rispettosa del clima creando un vantaggio competitivo per le aziende agricole grigionesi. Secondo il governo, mobilizzando le conoscenze in materia e giocando d'anticipo, esse saranno in grado di posizionarsi con successo sul mercato offrendo derrate alimentari di alta qualità prodotte in modo rispettoso del clima.

Questa la tempistica elaborata dal Governo retico: una volta terminati i necessari accertamenti preliminari (già avviati) per valutare le misure e i relativi effetti, negli anni 2021-2024 partirà un progetto pilota con un numero ristretto di aziende agricole per migliorare l'efficienza delle risorse, nonché ridurre e compensare le emissioni di gas a effetto serra; il tutto riducendo le spese d'esercizio con l'obiettivo di creare valore aggiunto. Fondandosi sul progetto pilota, a partire dal 2025 si prevede di estendere le misure testate all'intera agricoltura grigionese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.