Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La più grande centrale solare in Svizzera probabilmente non sarà realizzata a St. Antönien (GR). La Confederazione ha infatti respinto la domanda di sovvenzioni da 2,4 milioni di franchi inoltrata dai promotori. Il progetto prevede l'installazione di pannelli solari sui ripari anti-valanghe.

Senza il sostegno finanziario di Berna, il progetto non può al momento essere realizzato. È "fortemente minacciato" anche sul lungo termine, ha detto oggi all'ats il sindaco della località grigionese, Jann Flütsch, confermato informazioni rivelate dalla trasmissione della SRF "10 vor 10".

Secondo il primo cittadino, attualmente non esistono alternative ad un finanziamento della Confederazione. Un ricorso contro la decisione dell'Ufficio federale dell'energia (UFE) non è escluso.

I promotori dell'iniziativa avevano chiesto un finanziamento tramite il fondo destinato ai progetti pilota. Secondo l'UFE, però, il progetto non può essere considerato pilota, poiché in Svizzera esistono già impianti solari costruiti sui riparti anti valanghe, anche se di dimensioni più modeste.

Disposto su 8 chilometri, la struttura anti-valanghe di St. Antönien verrebbe equipaggiata con pannelli solari che garantirebbero una produzione di 3,5 megawatt, sufficiente ad alimentare 1'200 economie domestiche. Gli investimenti sono stimati in 20 milioni di franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS