Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le aziende, nei Grigioni, non dovrebbero più pagare la tassa ecclesiastica: è perlomeno quanto chiede un'iniziativa lanciata dai giovani liberali-radicali, che hanno raccolto 4'200 firme - 200 in più del necessario - consegnate oggi alla Cancelleria cantonale.

I promotori, secondo quanto si legge in un comunicato, considerano che la tassa ecclesiastica per le persone giuridiche sia una misura coercitiva: le imprese, diversamente dalle persone fisiche, non possono infatti scegliere liberamente se sostenere o no la Chiesa con contributi finanziari.

In caso di accettazione dell'iniziativa gli sgravi fiscali per le imprese grigionesi sarebbero pari a dieci milioni di franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS