Navigation

GR: domani brillamento preventivo strada per Vals

Brillamento controllato per scongiurare crolli sulla strada che porta a Vals. Cantone dei Grigioni sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 novembre 2019 - 12:07
(Keystone-ATS)

Domani sarà eseguito un brillamento controllato per mettere in sicurezza la strada per Vals (GR). L'intervento, sotto la direzione dell'Ufficio tecnico cantonale, è volto a scongiurare crolli sull'unico accesso per la località turistica.

Il problema, indica a Keystone-ATS Eugen Duff, capocircondario 6, è noto da tempo: da un anno e mezzo almeno, da quando cioè l'Ufficio tecnico dei Grigioni ha preso tutta una serie di misure intese ad assicurare un'importante massa di roccia instabile che si estende per un centinaio di metri sopra la strada cantonale nei pressi di Peiden Bad. Dopo i rilievi del caso e i primi interventi di ancoraggio, i competenti servizi cantonali hanno quindi deciso di far brillare la parete instabile, a una sessantina di metri sopra la carreggiata.

L'operazione, controllata, sarà eseguita domani notte. Se tutto procederà come previsto, i tratti della strada per Vals, Duvin e Peiden rimarranno percorribili durante il giorno su una sola direzione di marcia per circa una settimana, il tempo necessario per i lavori (notturni) di sgombero del materiale caduto, stimato in 300 metri cubi. Durante le chiusure notturne, informa una nota del Governo, il transito dei veicoli del peso inferiore a 18 tonnellate sarà comunque possibile tramite una deviazione segnalata via Peiden/Valgronda.

Il brillamento viene eseguito appositamente in questo periodo dell'anno in modo da prevenire l'accresciuto rischio di scoscendimenti con il disgelo e il primo caldo primaverile. Lo scorso agosto, in seguito a intense precipitazioni, nella stessa zona si sono verificati due crolli. I rilievi effettuati hanno portato alla luce, oltre a massi pericolanti, delle sezioni di roccia staccatasi quasi integralmente dall'ammasso originario. I lavori preparatori per il brillamento sono iniziati poche settimane fa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.