Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

DOMAT/EMS GR - L'ex capo contabile di Ems-Chemie è accusato di aver sottratto all'azienda grigionese tredici milioni di franchi. Il 74enne e il suo complice si sono dovuti presentare oggi in tribunale a Domat/Ems (GR).
L'uomo ha svolto l'incarico dal 1968 al 1998, ma i suoi presunti reati sono emersi solo nel 2004. Secondo l'atto d'accusa il responsabile della contabilità godeva di "grande reputazione e fiducia". Oggi è però accusato di truffa, falsità di documenti, riciclaggio di denaro e abuso degli impianti di elaborazione dati.
Il duo avrebbe intascato oltre dieci milioni di franchi tramite fatture false. Il contabile ormai in pensione avrebbe inoltre incassato indebitamente dal suo datore di lavoro - tramite assegni - ulteriori importi ingiustificati per un totale di 3,1 milioni. Il processo, cominciato oggi, durerà diversi giorni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS