Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Istituto alpino di Ftan, nella Bassa Engadina, non dovrà per ora chiudere i battenti. Il comune di Scuol (GR) ha deciso di acquistare l'immobile e di riempire le classi vuote. L'importo dell'operazione non è stato ancora divulgato.

"Con l'acquisto l'istituto otterrà la liquidità necessaria per continuare i corsi", si legge oggi in un comunicato congiunto delle parti coinvolte. Per una soluzione definitiva, l'istituto dovrà comunque effettuare importanti cambiamenti, come ad esempio la collaborazione con altre scuole.

Per la salvezza definitiva bisognerà attendere l'approvazione dei cittadini. Un voto sulla questione verrà effettuato probabilmente in ottobre. Fino ad allora la sopravvivenza sarà garantita da donazioni private.

Inoltre, per poter aprire i propri battenti, dopo le vacanze estive si dovranno presentare almeno cinquanta studenti.

L'Istituto venne fondato il 1. ottobre 1793 dal pastore Andrea Rosius à Porta, il quale dopo aver trascorso 14 anni in Francia come insegnante privato e cappellano, rientrò a Ftan, dove si prefisse di mettere ordine alla formazione scolastica del suo luogo di origine.

In occasione dei festeggiamenti per i 200 anni della scuola, venne introdotto un corso per sportivi di sci e snowboard, che nel 2004 ottenne il riconoscimento con il marchio "Swiss Olympic Sport School". La scuola è stata frequentata, fra gli altri, dal triplice campione olimpico di sci di fondo Dario Cologna.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS